×

Percorsi attraverso La Parola

Sono cresciuta in una famiglia di lettori e ci è stato insegnato a leggere i libri da copertina a copertina, senza poter sbirciare nell’ultimo capitolo quando eravamo a metà del libro. È diventato quindi naturale, dopo essere diventata cristiana – dove tutto prende vita con un libro – cominciare all’inizio della Bibbia, leggere con regolarità fino alla fine e poi tornare daccapo per rileggerla, più o meno una volta all’anno. In quelle prime letture, ho riconosciuto molte delle storie familiari della Scuola Domenicale. Una buona parte era sconosciuta ma gestibile. E in parte (ciao profeti) era a malapena comprensibile. Ma...

Io sono la Via, la Verità e la Vita

Questa è senza dubbio una delle affermazioni più conosciute di Gesù e, forse proprio per questo, è una di quelle che possiamo recitare con la maggior superficialità. Eppure si tratta di un’affermazione dotata di una forza titanica, che possiamo apprezzare al meglio solo se la collochiamo nella storia nel suo insieme.   Nel Principio Nel principio Dio camminava nel giardino, dove camminava l’uomo (Genesi 3:8). Non c’era nulla che separasse Dio e l’uomo. La VIA era chiara e aperta. Nel principio l’uomo conosceva perfettamente il suo compito: moltiplicarsi, riempire la terra e rendersela soggetta (Genesi 1:28), lavorare e custodire il...

“Ascoltare Ireneo” – Ricapitolare la storia (2)

Nel primo blog, abbiamo tratteggiato alcune sette antiche, definite “gnostiche”. Intitolando l’opera Contro le Eresie (plurale), Ireneo (130-202 d.C.) lascia intendere che egli intravede in esse quegli ingredienti propri di ogni eresia: “Queste sono le dottrine di questi tizi: da loro, è stata generata la bestia dalle molte teste, come un’idra di Lerna.”

Una speranza solida

Una tomba vuota, una valanga di testimoni oculari, conclusione: Gesù veramente è risorto. Se questo è vero abbiamo una risposta meravigliosa alla nostra domanda: In cosa posso sperare?

Venerdì Santo: cosa ricordiamo?

Nel mondo antico uccidere qualcuno su una croce significava infliggere una morte straziante e umiliante. Tantissimi morirono in questo modo, e Gesù di Nazaret fu uno di loro, crocifisso sotto la prefettura di Ponzio Pilato. Tuttavia, gli scritti cristiani più antichi (che insieme costituiscono il Nuovo Testamento) affermano che la morte in croce di Gesù Cristo fu differente da tutte le altre. In questo caso l’uomo crocifisso fu pienamente Dio e pienamente uomo. Paolo scriveva ai Filippesi (2:6, 7, 8): “Cristo…pur essendo in forma di Dio, non considerò l’essere uguale a Dio qualcosa a cui aggrapparsi gelosamente, ma svuotò sé...

More Resources

Filtra per:
CARICA ANCORA
Loading