×

Come la predestinazione ha cambiato la mia sofferenza

“Il tuo collo rotto non è un caso, Joni. Dio ha un piano incredibile per la tua vita”

Gli amici cristiani dicevano spesso qualcosa del genere quando venivano a trovarmi in ospedale dopo il mio incidente subacqueo. Desideravano incoraggiare la loro amica paralizzata e ci sono riusciti, ma fino a un certo punto. Essendo cresciuta nella chiesa episcopale riformata, la sovranità di Dio non era un concetto strano, però aveva sollevato in me domande spinose.

La sovranità di Dio mi faceva paura

Ho continuato a premere il pulsante REPLAY durante l’immersione dalla zattera cercando di immaginare cosa stesse succedendo nei cieli.

Dio si è avvicinato e mi ha permesso di fare qualcosa di stupido di mia spontanea volontà? O Satana si presentò davanti a Dio con il manuale che usò con Giobbe, chiedendo il permesso di spingermi giù dalla zattera? Dio era riluttante? Il diavolo ha forzato la mano fino a quando Dio si arrese? O forse Dio stesso mi ha spinta fuori dalla zattera e ha impedito agli angeli protettori di intervenire.

“La sovranità di Dio pone le basi per glorificare suo Figlio, il Signore Gesù”.

La sovranità di Dio mi faceva paura. Se Dio predispone tutte le cose che si compiranno – non solo la mia salvezza, ma il mio catastrofico incidente – quale potrebbe essere il Suo buon proposito per la tetraplegia? Poi di nuovo, se la sua sovranità portava il marchio arminiano, cioè se aveva piani generali per il mondo, ma non specifici, vuol dire che io ho semplicemente sbagliato il lancio della moneta? Non sapevo quale punto di vista mi spaventasse di più.

Il libro blu con le lettere d’oro

Guardando indietro, mi stupisco che un’adolescente depressa e distrutta possa rimuginare su cose così elevate, ma d’altra parte, siamo tutti teologi. E sapevo che non solo la mia felicità, ma anche la mia fede si basava sul risultato. Così, dopo aver lasciato l’ospedale per vivere nella nostra fattoria nel Maryland, rimasi in contatto con amici che sembravano saperne più di me.

La nostra fattoria è diventata un luogo di ritrovo per i giovani che portano pizza, chitarre e Bibbie. Portavano anche tante domande. La tragedia del mio incidente stava ispirando gli altri a scavare più a fondo in questi misteri.

Intorno alla nostra tavola, abbiamo discusso di tutto, dal calvinismo al dispensazionalismo e anche se mi appoggiavo sulle mie radici calviniste, ero terribilmente combattuta.

Una sera, un liceale di una vicina chiesa presbiteriana riformata mi diede un libro blu con le scritte d’oro dal titolo “La dottrina riformata della predestinazione”. Il mio pastore che apprezza molto l’autore Dr. Loraine Boettner, mi disse: “Forse può aiutarti”.

I miei passi e il piano di Dio

Il giorno dopo parcheggiai la mia sedia a rotelle di fronte a un leggio che sorreggeva il libro dal titolo intrigante. Mia sorella mi mise in bocca un lungo tassello con la punta in gomma. Stringendolo, ero in grado di sfogliare le pagine. Mise anche un mangiacassette accanto a me in modo che potessi premere i pulsanti “registra” e “pausa” con la stessa levetta della bocca: era il modo più efficiente per prendere appunti.

Fin dall’inizio, Boettner spiegò che la ragione per cui così tante persone sono pronte a rifiutare la dottrina della predestinazione è a causa della “pura ignoranza di ciò che la dottrina è realmente e di ciò che la Bibbia insegna al riguardo”.

Sì, stava parlando proprio di me!

Presto mi ritrovai a farmi domande: “Fammi capire bene: quando feci progetti per andare in spiaggia quel giorno, Dio non guardava dall’altra parte, interessato alle vite dei cristiani più obbedienti?”. Boettner cita Proverbi 16:9: “Il cuore dell’uomo progetta la sua strada, ma il Signore stabilisce i suoi passi”.

Quando mi misi sul bordo della zattera, ero convinta che l’acqua fosse abbastanza profonda per un’immersione. Come potevo sapere che la barriera di sabbia si era spostata? Boettner indicò il controllo di Dio sulla natura in Amos 4:7-10, dove il Signore dichiara: “Ho fatto piovere sopra una città e non ho fatto piovere sull’altra”. Poi indicò Marco 4:36-41, dove Gesù rimprovera il vento e dice alle onde: “Taci, càlmati!”. Secondo queste Scritture e altre, la mano di Dio governava anche i granelli di sabbia, così come le correnti che avevano spostato ogni granulo nell’acqua.

Perché mi hai fatto tutto questo?

la sovranità di Dio coinvolgeva più della mia elezione alla salvezza

Successivamente il Dott. Boettner mi portò all’evidenza biblica che la sovranità di Dio coinvolgeva più della mia elezione alla salvezza, ma anche ogni evento nella storia e nella natura. E a quale scopo? Trovai una risposta apparentemente inverosimile nel Salmo 115:3: “Il nostro Dio è nei cieli; egli fa tutto ciò che gli piace”. “Ma la mia vita è rovinata. Come può compiacersi della tetraplegia?”.

“Dio permette ciò che odia per ottenere ciò che ama”.

Boettner aveva una risposta anche per questo: “Sia la Scrittura sia l’esperienza quotidiana ci insegnano che Dio dà ad alcuni ciò che Egli trattiene agli altri. Se gli si chiede perché fa questo… l’unica risposta disponibile si trova nelle parole del Signore Gesù: “Sì, Padre, perché così ti è piaciuto”. (Luca 10:21)

Io ero il classico caso della cosa formata che diceva a Colui che l’aveva formata: “Perché mi hai fatto così?” (Romani 9:20). Il capitolo di Boettner sulla provvidenza di Dio descriveva come la sovranità coinvolge più del potere di Dio di fare tutto ciò che desidera; si esprime anche in un’azione mirata che è sempre personale, saggia e buona. È questo che rende gli eventi che Dio predice “graditi ai suoi occhi” (Ebrei 13:21).

Vivere in funzione della Sua reputazione

Con questo, non potevo fare altro che arrendermi a Romani 9: 20-21, pregando con tutto il cuore: “Signore, tu sei il Vasaio; Io sono l’argilla. E se devo restare su questa sedia a rotelle, rendimi un vaso d’onore; insegnami come essere piacevole ai tuoi occhi”.

Con quella preghiera, Dio mi diede una rinnovata energia per immergermi nuovamente nella Dottrina Riformata della Predestinazione. Più leggevo, più vedevo un filo conduttore in tutto il libro: la sovranità di Dio pone le basi per glorificare suo Figlio, il Signore Gesù. Potevo fare affidamento sulla provvidenza di Dio come personale, saggia e buona nella mia vita perché Gesù ha compiuto il progetto divino con il suo sangue. Non era un piano volente o nolente, perché se Gesù mi amava abbastanza da morire per me – quando non mi importava di lui – allora qualunque cosa il mio Salvatore facesse era degna della mia fiducia.

Da quel momento in poi, ogni volta che premevo il pulsante REPLAY durante l’immersione, immaginando la scena nei cieli, sentivo Dio dire: “Per amore di me stesso, per amore di me stesso faccio questo” (Isaia 48:10-11) .

Dio mi stava e mi sta ancora mettendo alla prova nella sua fornace dell’afflizione, in modo che la Sua gloria potesse essere messa in mostra attraverso la mia vita arresa a Lui.

Dio risplende glorioso ogni volta che mi fido di Lui con le mie delusioni. Lungi dal macchiare il suo buon Nome, il mio sorriso sulla mia sedia a rotelle innalza la potenza della Sua gloria per mostrarla agli altri. Riesco a far sembrare Dio buono? Dio si diletta a mettere a rischio la sua reputazione nel modo in cui rispondo? La posta in gioco non può essere più alta. Gesù è degno.

Qualunque cosa Gli piaccia

Quando terminai di leggere la Dottrina Riformata della Predestinazione, diventai una apprezzatrice di Loraine Boettner e del suo eroe Giovanni Calvino. Meglio ancora, la dottrina della sovranità di Dio divenne una fonte di inesauribile conforto.

Potrei chiedermi: “Il mio incidente subacqueo è avvenuto per errore divino?”. E sebbene Dio sia sovrano, non è da biasimare poiché permette ogni sorta di cose orribili che però non approva (Lamentazioni 3: 32-33).

“La morte e la risurrezione di Gesù Cristo dimostrano le intenzioni sovrane e gloriose di Dio”.

Potrei anche chiedermi: “Il mio incidente subacqueo è stato un attacco personale del diavolo?”. Forse, poiché Dio spesso permette al diavolo di fare ciò che lui stesso non farebbe mai (Giobbe 1:12).

Oppure potrei chiedere: “Il mio incidente è stato semplicemente una conseguenza del vivere in un mondo decaduto?”. Forse è così, poiché sappiamo che tutta la creazione è stata soggetta a vanità (Romani 8: 20–21).

Ma qualunque sia lo scenario che si è svolto quel giorno nei cieli non ha importanza. So di essere al sicuro perché i saggi e buoni decreti di Dio sussistono.

Se dovessi riassumere il libro di Boettner, lo farei così: la morte e la risurrezione di Gesù Cristo dimostrano le intenzioni sovrane e gloriose di Dio. Già questo mi ispira a fare tutto il possibile per essere gradita ai suoi occhi (Colossesi 3:17). E così trasmetto il messaggio che Dio permette ciò che odia per ottenere ciò che ama: Cristo in noi, la speranza della gloria (Colossesi 1:27).

Traduzione a cura di Majlinda Cukaj


Il presente articolo è stato pubblicato sul sito coramdeo.org. Cortesemente concesso.

Most Read

CARICA ANCORA
Loading