Come saltare il culto influenza i nostri figli

Durante una sessione aperta di domande, a Carl Trueman è stato chiesto perché le chiese di oggi stanno perdendo i loro giovani. Le tipiche risposte a questa domanda sono come le tentazioni di questo mondo o l’irrilevanza della chiesa. Ma Trueman fa una connessione appassionata e convinta tra la nostra genitorialità e l’apostasia.

La chiesa sta perdendo i suoi giovani perché i genitori non hanno mai insegnato ai loro figli che essa è importante. Penso che ciò valga un po’ in generale. Si può applicare alla famiglia e si applica anche alla chiesa e a quale priorità dimostrate e abbia la vostra chiesa di domenica agli occhi dei vostri bambini.
Se il sole splende e i loro amici vanno in spiaggia, decidete di saltare la chiesa e andare in spiaggia? In questo caso, ovviamente invii ai tuoi figli dei segnali che la chiesa non è importante.
(Carl Trueman)

Ora sappiamo che solamente portare i vostri figli in chiesa non dona né la salvezza né la garantisce. Dio non è ovviamente onorato da atti religiosi esterni senza il culto del cuore. Questo tipo di legalismo non è oggetto della presente discussione. Si tratta della genitorialità e del peso della responsabilità che ne deriva nel dare la priorità alle scelte di tempo e stile di vita per le loro famiglie.

I genitori fanno sempre delle scelte per la loro famiglia. Quando decidono su ciò che è prioritario in famiglia, ogni scelta viene attentamente osservata e presa per il bene dei loro figli. Sì, loro ti stanno guardando e stanno imparando da te.

Forse il motivo per cui i nostri figli non hanno amore per Cristo è dovuto al fatto che noi genitori non mostriamo né amore né passione per Cristo, come dimostra il fatto che di domenica e durante la settimana diamo ulteriori futili priorità.

Quando la televisione, lo sport, la scuola, gli hobby, anche la stessa famiglia diventano idoli e sostituiscono le responsabilità cristiane vitali, allora diciamo ai nostri figli che Cristo è secondario a tutte queste cose. Diciamo ai nostri figli che non è necessario prendere la loro croce ogni giorno per seguire Cristo. Diciamo loro che devono vivere per Cristo solo quando gli è conveniente. Ma diciamo loro che è giusto sacrificare il tempo con il Salvatore che soddisfa le nostre richieste, se arriva qualcosa di “più divertente” o “più importante” (ironicamente parlando). Questo sembra un percorso chiaro verso l’apostasia.

Valutiamo dove sono i nostri cuori osservando le scelte. Diamo la priorità alla chiesa locale? Avete la priorità del culto di Cristo nella vostra casa e alla domenica? Stai dando la priorità al servizio e Lo stai adorando nei contesti della scuola e del lavoro? Questo non significa che non si può mai perdere una domenica o che non si possa avere alcuna attività extra. Questo ci fa riflettere sul fatto che non dovremmo mettere Dio in fondo alla lista delle priorità, perché ciò trasmette ai nostri figli che Cristo è in fondo alla nostra lista delle priorità e che il Dio di questo universo non ci appartiene.

La mia preghiera è che tutti noi possiamo migliorare in questo campo. Ma attenzione, spesso forse non lo vediamo perché Cristo non è una priorità nella nostra vita. E se Lui non è una priorità nella nostra vita, allora i nostri figli conosceranno e seguiranno il nostro esempio.

Traduzione a cura di Lisa Artioli


© Speaking Truth with Love, © Coram Deo
Originalmente tradotto e pubblicato in lingua italiana da Coram Deo

Articolo originale in lingua inglese: How Skipping Church Affects Our Children

Share
CARICA ANCORA
Loading